Accedi al sito
Serve aiuto?

Anestesia

Responsabili del servisio di Anestesia:  Dr.ssa Alejandra Bohorquez Vanelli (coordinatrice)
                                                                      Dr.ssa Patrizia Sassone
                                                                      Dr.ssa Giulia Guazzi
                                                                      Dr. Lucio Cavallo


L’anestesia e la terapia del dolore sono molto importanti nella gestione dei nostri pazienti. Impieghiamo moderne tecniche anestesiologiche (anestesia generale gassosa e/o endovenosa, anestesia loco-regionale, terapia del dolore) con lo scopo di garantire il maggior benessere possibile durante il ricovero in Clinica.

Ogni soggetto sottoposto a intervento chirurgico viene valutato con una visita pre-anestesiologica, nella quale l’Anestesista crea un protocollo su misura in base al paziente  e alla procedura che dovrà seguire.
 
Oltre a togliere il dolore prima e durante l’intervento chirurgico, è compito dell’Anestesista prendersi cura del paziente anche dopo la fine dell’intervento, per ridurre al massimo lo stress e avere un maggior controllo del dolore post-chirurgico.
 
La sedazione spesso viene intesa come un’anestesia leggera, ma in realtà non impiega farmaci anestesiologici. Dona al paziente una situazione di rilassamento muscolare che permette, in soggetti agitati, di effettuare controlli generali, ecografici, prelievi del sangue o studi radiografici.
 
La sedazione o premedicazione viene utilizzata nella fase di preparazione dei pazienti da sottoporre ad anestesia generale, per ridurre stati di paura e ansia, per diminuire la quantità di farmaci anestesiologici utilizzati, per proteggere da risposte non volute del sistema nervoso e come prevenzione o riduzione del dolore nel periodo post-operatorio.
 
L'anestesia generale si ottiene somministrando per via respiratoria e/o endovenosa (grazie all’impiego di specifiche strumentazioni ad alta precisione) farmaci che aboliscono la coscienza (ipnosi) e la percezione del dolore (analgesici), intubando quindi il paziente per consentire il controllo della funzionalità respiratoria.
 
Terapia del dolore. La percezione del dolore varia secondo la sede, durata ed intensità dello stimolo e può essere modificata da precedenti esperienze, stati emozionali e differenze individuali innate. In Veterinaria la parola dolore viene generalmente riferita a situazioni traumatiche o chirurgiche, mentre  sono spesso sottovalutate le condizioni che determinano sofferenza cronica (osteoartrosi, displasia dell’anca e di gomito, diabete, disidratazione, dolore cronico dopo interventi chirurgici demolitivi).
Negli animali come nell’uomo c’è una componente emotiva del dolore. La risposta al dolore varia sia tra le specie che tra diversi individui, e in particolare alcune razze canine non manifestano segni evidenti di sofferenza, pur essendo in una situazione di dolore, sia acuto che cronico.
Il mancato controllo del dolore può ritardare la guarigione e comportare un lungo periodo di stress per il paziente e per il proprietario.